11. Ma quando invece il sanitario opera con diligenza? La diligenza riguarda essenzialmente le modalità di erogazione di una prestazione sanitaria. Erogazione che coinvolge sia l’aspetto fisico del cittadino malato (terapia, diagnostica, ecc.) sia quello psicologico (presa in carico totale del malato, rapporto cittadino–sanitario). 

Il sanitario, quando eroga con diligenza una prestazione tende ad armonizzare questi due aspetti per dare al cittadino malato una sensazione di completa partecipazione e attenzione ai suoi bisogni per tutto il percorso assistenziale, breve o lungo che sia.

Solo ed esclusivamente in questo caso il sanitario è diligente e la prestazione appropriata. Quando invece la prestazione non soddisfa una delle due componenti – corpo e psiche – è inappropriata, in quanto l’operato del sanitario non risponde alla diligenza richiesta.